Nuovo utente?
  Nome utente :     Password :   Remember

M. Rondinaio e laghi

Pubblicato da Graziano Ago « 

Print version Email Link Google KML Download

Foto

 
Show thumb images on the map (only if user set it for waypoint)

M. Rondinaio e laghi

Pubblicato da Graziano Ago « 


Trekking
« »
Stato: Italia Inizio: MinEle: 1474 m
Regione:
« 
Emilia Toscana
Fine: MaxEle: 1955 m
Città:
 
Waypoints: 6 Dislivello salita: 1137 m
Distanza:
 
11.9 km
Downloads: 115 Dislivello discesa: 899 m
Data report:
 
Apr 19, 3387
Pubblicato: Sep 7, 2009 Hits: 3075
           
  Votazione Media

Tags



Giovo M.Rondinaio lagosanto Baccio

Descrizione

Commenti






Si percorre lo spartiacque principale della zona piu' affascinante dell'Appennino Modenese.,Mentre altrove le cime sono quasi sempre tondeggianti, qui il crinale e' in gran parte roccioso, sospeso su imponenti precipizi che incombono a occidente sulle valli e sui crinali che degradano verso il Serchio: il vastissimo panorama spazia a occidente, oltre la catena delle Apuane, fino al Mar Tirreno e nord - est sulla Pianura Padana, oltre, naturalmente, a tutte le cime dell'Appennino Tosco - Emiliano

.Itinerario ad anello nell’Appennino modenese che tocca il lago Santo, il lago Baccio, il lago Turchino e il lago Torbido e la cima del Monte Rondinaio ( 1976 m) .

Puoi iniziare il giro dal lago Santo oppure da foce Giovo.

L'itinerario qui descritto ha come punto di partenza la foce Giovo.
A foce Giovo, raggiungibile con la strada forestale, proprio in prossimità della sella prendi il sentiero 00 che si dirige ad Ovest  (per M.Rondinaio). Il percorso è ben segnato con segnavia Cai bianco/rossi.  Dopo una prima breve salita si entra in una conca con spettacolari scoscendimenti di arenaria-macigno dove sono evidenti i segni dell’antica glaciazione. Da qui si generano numerosi piccoli corsi d’acqua che più a valle formeranno il fiume Panaro.

Tieni la sinistra della valle, senza mai scendere troppo e, prima di arrivare al lago Torbido ( asciutto in estate), prendi il sentiero, molto evidente, che sale obliquamente il ripido versante Sud del crinale che unisce la foce del Giovo al massiccio del Rondinaio. Raggiunta una piccola sella ti porti sul versante toscano dove il percorso si fa un po’ esposto e richiede un minimo di attenzione. Dopo questo tratto, molto panoramico e in leggera pendenza, quando il sentiero comincia a scendere, a dx (WP B.Rond.Vetta) inizia l’ultima ripida salita che porta alla vetta del Monte Rondinaio (1976 m).

(per chi volesse evitare la ripida ascesa alla cima del Rondinaio in traccia ho inserito anche la variante che evita la vetta e col sentiero 181 porta direttamente al Passetto.)

Dalla cima del Rondinaio si gode di un vastissimo panorama che spazia dall’Alto Appennino modenese alla Garfagnana, alla catena delle Alpi Apuane e la Valle delle Tagliole. Dalla croce di vetta devi continuare per l’evidente sentiero 00 lungo unfacile crinale fino al Passetto ( 1850m) ( WP S181) dove inizia il sentiero 523 in discesa che porta ai laghi Baccio e Santo.

Prima di scendere ai laghi ti consiglio di fare una breve deviazione ( in traccia) fino alla cima della Grotta Rossa, una cuspide rocciosa che si erge come un monolito sulla valle. Il percorso (sent. 00) è suggestivo, molto aereo e ti offre uno splendido panorama.In circa un’oretta, dal Passetto, vai e vieni (per l’esposizione la difficoltà di questo tratto è data EE).

Dal Passetto la discesa ai laghi sottostanti è un percorso facile. Inizialmente attraversi una zona di ampi avallamenti occupati da laghetti temporanee, poi, poco prima di raggiungere il lago Baccio, affronti un breve tratto nel bosco. Il lago Baccio lo aggiri sulla sx fino al suo margine settentrionale, per poi rientrare nella faggeta e con comodo ed evidentissimo tracciato ( sent. 523) in pochi minuti arrivi al lago Santo.

Quest’ultimo lago, facilmente raggiungibile in auto, è circondato da alberghi e ristoranti camuffati da rifugi alpini ed i fine settimana è meta di rumorosi turisti domenicali più consoni alle spiagge della riviera Adriatica che a questi luoghi.

Scendendo dal lago Baccio, qualche centinaio di metri prima del Lago Santo inizia a dx ( WP S519) il sentiero 519 che con direzione Sud-Est percorre in parte il vecchio tragitto della via dei Remi. Inizia  semipianeggiante attraversando alcuni corsi d'acqua e per un buon tratto si sviluppa nel bosco di faggi. Superi la sorgente detta Fonte Ricca e continui a mezza costa. Occorre poi prendere a destra il sentiero con segnavia 517 per salire al pianoro delle Gore, ricco di acque sorgive e acquitrini, dove sorge il piccolo lago Turchino, proprio ai piedi delle verticali pareti del Rondinaio Lombardo.

Nei pressi del lago c’è una casupola, ma è chiusa e non ha locale invernale. Da qui, sempre per evidente e facile sentiero, sali dolcemente fino a innestarti nuovamente al sent. 00 e da lì a poco alla foce Giovo.

Durata del percorso ore 4- 4,30 ( senza la variante alla vetta della Grotta Rossa)

Lunghezza 10 km circa

Difficoltà  E  , con variante Grotta Rossa EE

Come arrivare

Dal versante Emiliano: da Modena si segue la statale n.12 toccando Pavullo nel Frignano, Pievepelago e poi salendo verso il Passo dell’Abetone. Superato Fiumalbo e Dogana Nuova si pone attenzione sulla destra per dirigersi verso la Val di Luce. Percorsi circa 2,5 km in località Ca Coppi, inizia lo sterrato forestale ( strada Ducale) che sale al passo Giovo.

Dal Versante toscano (Garfagnana): Strada Provinciale 56. Dopo Bagni di Lucca prendere indicazioni per Tereglio - Orrido di Botri - Passo al Giovo. Fino al rifugio Casentini la strada è asfaltata, poi diventa una sterrata pista forestale .

La Strada del Duca, voluta dalla Duchessa di Lucca e dall’Arciduca di Modena e costruita nei primi decenni dell’800, fu una delle più ardite opere stradali dell’Appennino, visto che valicava la catena alla Foce a Giovo, uno dei suoi più alti passi. La via, malgrado fosse costata 1.172.390 lire lucchesi (cifra notevole per quei tempi) non riuscì mai ad entrare in pieno funzionamento probabilmente perché, malgrado tutti gli sforzi possibili, il punto di valico era troppo alto e la via era transitabile solo per pochi mesi all’anno per il forte innevamento.

Tracks & Routes


Nome Descrizione Distanza Dislivello salita Dislivello discesa  
Giovo/G.Rosa Giovo -Rondinaio - Passetto - Grotta Rossa 4 Km 540 m 292 m
Vedi altimetria
Rondinaio La Passetto - laghi- Giovo 8 Km 597 m 607 m
Vedi altimetria

POIs (Points of Interest)


Picture Description Coordinates Elevation Icon

Vetta G.Rosa Lat: 44.120866 Lon: 10.583433 1916 m

Rondinaio1 Lat: 44.115347 Lon: 10.593031 1953 m

vetta Rondinaio


S.519 Lat: 44.134233 Lon: 10.591450 1516 m

S181 Lat: 44.116833 Lon: 10.589633 0 m

foce Giovo Lat: 44.119033 Lon: 10.610383 1668 m

inizio percorso e parcheggio auto


B.Rond.Vetta Lat: 44.112783 Lon: 10.594266 1836 m