Nuovo utente?
  Nome utente :     Password :   Remember

CROCIONE 21 08 2014

Pubblicato da sergio meroni « »

Print version Email Link Google KML Download

Mappa

Foto

 
Show thumb images on the map (only if user set it for waypoint)

CROCIONE 21 08 2014

Pubblicato da sergio meroni « »


Ciclismo MTB
« »
Stato: Italia Inizio: Argegno MinEle: 201 m
Regione: Lombardia Fine: Argegno MaxEle: 1645 m
Città:
 
Como
Waypoints: 14 Dislivello salita: 2231 m
Distanza:
 
46.0 km
Downloads: 69 Dislivello discesa: 2215 m
Data report:
 
Aug 23, 5099
Pubblicato: Aug 23, 2009 Hits: 2088
           
  Votazione Media

Descrizione

Commenti






CROCIONE m. 1597 Dislivello salita approssimativi m. 1500 per la prima variante 1300 per la seconda. Dislivello discesa approssimativi m. 1500 Monti di Tremezzo Centro lago di Como Accesso. Da Como, seguendo la sponda del lago occidentale, si passa da Cernobbio e di seguito da Moltrasio – Carate Urio – Laglio – Brienno, per poi arrivare ad Argegno, lungo una bella strada panoramica sul lago. In uscita dal paese, proprio alla fine del ponte che scavalca il fiume Telo, alla destra si scende al parcheggio, se fosse al completo, proseguire con la macchina verso Menaggio, un poco più avanti del piazzale della funivia normalmente si riesce a trovare uno spazio per la sosta. Doc. Top. Cartina Kompass n. 91 Descrizione itinerario Dal centro di Argegno 202, si fanno poche pedalate in direzione di Menaggio, quel tanto che basta per arrivare al piazzale della funivia che sale a Pigra. (corse giornaliere ogni ½ ora). Da Pigra 856, si esce dal paese verso S. Fedele Intelvi. Con una netta inversione di direzione si comincia la salita verso l’Alpe di Colonno 1321, per poi scendere al Rifugio Boffalora 1236, e nuovamente ricominciare a salire verso l’Alpe di Lenno 1494, dove qui, finisce il tratto asfaltato, e di seguito poi, arrivare al Rifugio Venini 1574. (Tutta questa parte di tracciato non presenta difficoltà di orientamento). Dal rifugio, Venini, seguendo con logica la carrareccia che in parte si snoda lungo le fortificazioni della Linea Cadorna, in un susseguirsi di ottime panoramiche, si punta all’Alpe di Mezzegra 1619, e da qui, aggirando la dorsale, si arriva lungo un bel sentiero abbastanza ciclabile alla cima del Crocione 1597. Sia lungo l’avvicinamento alla cima, che poi dalla sommità stessa, si potrà osservare uno dei più affascinanti panorami di tutto l’alto lago. Discesa e rientro. Dalla cima si ritorna indietro, passando ancora dall’Alpe di Mezzegra, e ancora più indietro, fino ad un evidente sentiero che si imbocca, con una netta inversione di direzione. Con un lungo traverso in leggera discesa, si torna ad aggirare il versante della montagna ritornando sotto la cima del Crocione. (Splendido questo traverso, sia come ciclabilità, ma soprattutto per il bellissimo panorama sottostante). Una volta inseriti lungo questo traverso, la discesa a lago e verso il bosco, presenta qualche breve passaggio insidioso ma mai veramente pericoloso. Nel bosco tutte le difficoltà sono solo sui tornanti. Un passaggio, prevede l’attraversamento di una galleria, è breve e diritta, quindi è possibile passarla anche senza l’uso di una pila. Subito dopo questo passaggio che permette di superare la balza rocciosa, sempre restando sul sentire principale si scende alla baite di Nava. Giunti alle baite di Nava, si hanno due alternative. Se si prosegue in discesa a destra, in questo caso, dopo un tratto ripido a tornanti, ma cementato, il sentiero diventa più insidioso e roccioso, dove si richiede una buona tecnica in discesa, il tutto però superabile senza pericoli oggettivi. Passato questo tratto insidioso, con lunga discesa più semplice, si arriva sulla strada per Rogaro. A questo punto, si scende con logica al lago e si rientra ad Argegno. Attenzione! Appena passati da Ossuccio, il mio consiglio è di abbandonare la strada principale ed inserirsi sulla vecchia (strada regia) in buona parte acciottolata che con suggestivi passaggi sopra le località rivierasche senza traffico, conduce all’uscita di Colonno e da qui ad Argegno manca poco. In una delle tracce GPS allegate, si indica la possibilità da Rodaro di salire alla chiesetta di S. Martino, è una variante abbastanza impegnativa sotto il profilo fisico, in salita. Molti tratti sono a spinta. La discesa poi è possibile lungo la via delle cappelle in alternativa. Seconda alternativa,. Dalle baite di Nava, si riprende a salire fino ad una cappella votiva, in questo punto si abbandona la carrareccia e deviando a destra, per brevissimi tratti a spinta e poi per sentiero su prato si arriva al colletto dove la prospettiva cambia improvvisamente. Nascosto dai cespugli il sentiero di discesa a valle mostra tutta la sua spettacolarità e le insidie subito apparenti. Buona parte della discesa richiede assoluta prudenza, attenzione e decidere di restare in sella è a completa decisione di ogni singolo bikers. Vi assicuro che non c’è da scherzare, una caduta in questo primo tratto non è consigliabile. Parte intermedia molto più facile e ciclabile, poi in corrispondenza di un gigantesco spuntone roccioso, altro tratto insidioso. Piano piano però un poco più sotto, sempre più facilmente si riprende la discesa in sella alla bike per poi con più tranquillità e facilità si arriva alla deviazione, sia per continuare la discesa a valle, che proseguire verso la chiesetta di San. Martino ( splendido punto panoramico si Griante e Bellagio). E’ un breve tratto che consigli fare. Dalla chiesetta, si ritorna al bivio precedente, tralasciando la discesa lungo la via crucis. All’inizio con un breve traverso e breve tratto scalinato, poi per facile sentiero si arriva con buona intuizione su sterrato fino quasi al lago. Note aggiuntive. Un giro a mio avviso molto bello e senza dubbio con dei panorami sul lago veramente fantastici, da fare preferibilmente con giornate limpide e prive di foschia. Alla relazione, in aggiunta trovate le due tracce GPS dettagliate dei due itinerari, identici fino alle Baite di Nava. A mio avviso la migliore la seconda, più difficile, ma indubbiamente più suggestiva e consigliabile ma non adatta a principianti e poco esperti su sentieri insidiosi ed esposti.

Tracks & Routes


Nome Descrizione Distanza Dislivello salita Dislivello discesa  
Crocione Variante n. 1 46 Km 2231 m 2215 m
Vedi altimetria

POIs (Points of Interest)


Picture Description Coordinates Elevation Icon

S. martino 476 Lat: 46.004583 Lon: 9.230672 476 m
chiesa

rogaro 343 Lat: 45.991942 Lon: 9.226993 343 m
sulla strada asfaltata per s. martino

rif. venini 1574 Lat: 46.008801 Lon: 9.166957 1574 m
rifugio

pigra 856 Lat: 45.954951 Lon: 9.128886 856 m
stazione a monte

rif. boffalora 1236 Lat: 45.987670 Lon: 9.150891 1236 m
rifugio

M. Crocione 1640 Lat: 46.006057 Lon: 9.196032 1640 m
cima crocione

galleria 1110 Lat: 45.999996 Lon: 9.200983 1110 m
galleria del crocione

griante 208 Lat: 45.999768 Lon: 9.236637 208 m
a lago griante

colonno 221 Lat: 45.958084 Lon: 9.155785 221 m
colonno a lago

argegno 202 Lat: 45.946517 Lon: 9.130029 202 m
stazione a valle

baite di nava 808 Lat: 46.001968 Lon: 9.213840 808 m
baite

alpe mezzegra 1619 Lat: 45.999950 Lon: 9.186680 1619 m
alpe mezzegra

alpe di lenno 1494 Lat: 46.005413 Lon: 9.153266 1494 m
alpe di lenno

alpe colonno 1321 Lat: 45.978521 Lon: 9.136177 1321 m
alpe colonno