Nuovo utente?
  Nome utente :     Password :   Remember

GILF KEBIR - EGITTO

Pubblicato da Gabriella Amisano « 

Print version Email Link Google KML Download

Foto

 
Show thumb images on the map (only if user set it for waypoint)

GILF KEBIR - EGITTO

Pubblicato da Gabriella Amisano « 


Fuoristrada
« »
Stato: Egitto Inizio: Cairo MinEle: 15 m
Regione:
 
Fine: Cairo MaxEle: 956 m
Cittΰ:
 
Cairo
Waypoints: 18 Dislivello salita: 4085 m
Distanza:
 
1838.4 km
Downloads: 129 Dislivello discesa: 4321 m
Data report:
 
Mar 1, 2007
Pubblicato: Oct 31, 2007 Hits: 3218
           
  Votazione Media

Descrizione

Commenti






Questo viaggio è stato effettuato nel febbraio del 2007 con "Trekking Italia" che si appoggia all'operatore egiziano "Zarzora expedition" del Col. Ahmed S. Al-Mestekawi. Parte dal Cairo e segue la strada verso sud  fino all'oasi di Dakla e poi si inoltra nel deserto fino all'altopiano del Gilf Kebir seguendo un percorso molto vario in luoghi estremamente isolati e 'segreti'. Infatti una parte centrale del percorso non è stata rilevata col GPS perchè è esclusiva di Zarzora e per correttezza si è convenuto di non diffonderne il tracciato.

Più di 2.000 Km tra dune di sabbia finissima, su antichi sentieri che lasciano affiorare reperti archeologici, resti fossili, tracce della storia più recente tra infiniti spazi e profondi silenzi.

18/02 Dal cairo seguendo la comoda strada asfaltata verso sud fino all'oasi della depressione di Baharia.

La strada taglia in due il deserto Nero, fine sabbia color crema ricoperta da uno strato sottile di piccoli ciotoli neri danno forma a svariati panettoni che si stagliano cupi nel cielo azzurro.

Si passa poi l'oasi di Farafra e si attraversa il Deserto Biaoco: guglie e strane formazioni fungine di un bianco abbagliante

19/02 Si prosegue su strada asfaltata per Dakla, il panorama è sempre piacevole e vario, e via via che ci si avvicina all'oasi il deserto lascia spazio a vaste coltivazioni e il verde trionfa.

20/02 lasciata l'oasi ci si inoltra per ore nel Gran Mare di Sabbia lungo un tracciato che è esclusiva conoscenza della nostra guida e che tale vuole che rimanga. Per 4 giorni continuiamo a viaggiare verso sud-ovest nella più completa solitudine, immersi in un vasto paesaggio dal quale affiorano castelli di granito, denti di leone e ancora nella infinita piana giallo ocra si individuano i resti lasciati dagli inglesi sulla pista di atterraggio della seconda guerra mondiale.

Una sosta al Baliese Saviem pietra miliare lungo la pista tracciata dalla Renault negli anni '70. E poi ancora, a piedi, fra resti del paleolitico, macine levigate che affiorano tra la sabbia, punte di lancia che si confondono tra le pietre. E poi il paesaggio ancora una volta cambia, incredibili dune di sabbia finissima, dove i nostri fuoristrada arrancano, si alternano a lunghe diafane piane che lasciano intravvedere le montagne sullo sfondo; un raro agglomerato di cespugli verdi e dune gialle, tronchi di palme pietrificati, rocce di granito appoggiate su nuvole di sabbia e tramonti sfumati di rosa.

24/02 Il famoso Passo di Aquaba appare improvviso dopo alcune ore tra le dune in una progressiva salita . E' il passaggio più frequentato per il Gilf , incontriamo un'altra carovana la prima e unica in tutto il viaggio. Si scende a piedi perchè le auto possono insabbiarsi. Sullo sfondo si vede il Gilf Kebir, la parte meridionale verso la quale ci dirigiamo fino a Wadi Fouraq. Lungo la strada troviamo ancora resti di auto delle mitiche spedizioni degli anni venti.

25/02 La Grotta di Shaw con le sue splendide pitture rupestri. Si arriva poi sulla cima del Gilf il punto più alto (1050m.) da cui si gode una splendida vista a 360°

26/02 Un trasferimento tra montagne di sabbia nera  e marrone lucido poi attraverso il Selima Send Sheet con alte dune ocra e ancora più oltre una vasta piana che porta a delle montagnole con la cima nera e altre di arenaria sgretolata.

27/02 Si torna ormai verso Dahkla ma il panorama è ancora ricco di sorprese, una grande duna che si arrampica sulla montagna sinuosa e imprevedibile, e poi dal giallo al grigio fino al verde dell'oasi.

28/02 Verso Farafra: sulla sinistra si stende il Gran Mare di Sabbia per 600 km fino al confine con la Libia. Siamo di nuovo sulla strada asfaltata, abbiamo percorso all'incirca 1.000 km da Dahkla al Gilf Kebir e altrettanti ce ne attendono per il Cairo per un totale di 3.500 km.

Tracks & Routes


Nome Descrizione Distanza Dislivello salita Dislivello discesa  
01-MAR-07 No Description 239 Km 647 m 577 m
Vedi altimetria
18-FEB-07 No Description 583 Km 1160 m 1173 m
Vedi altimetria
19-FEB-07 No Description 400 Km 894 m 680 m
Vedi altimetria
24-FEB-07 No Description 97 Km 602 m 235 m
Vedi altimetria
26-FEB-07 No Description 280 Km 173 m 823 m
Vedi altimetria
27-FEB-07 No Description 180 Km 467 m 622 m
Vedi altimetria
28-FEB-07 No Description 59 Km 142 m 211 m
Vedi altimetria

POIs (Points of Interest)


Picture Description Coordinates Elevation Icon

002 Lat: 29.961670 Lon: 30.968630 205 m

003 Lat: 28.263522 Lon: 28.784528 150 m

004 Lat: 27.466859 Lon: 28.231107 75 m

001 Lat: 29.975294 Lon: 30.998100 165 m

005 Lat: 26.694558 Lon: 27.756075 128 m

006 Lat: 26.701418 Lon: 27.796402 100 m

007 Lat: 24.487247 Lon: 28.631889 325 m

008 Lat: 24.486383 Lon: 28.630991 321 m

009 Lat: 24.150789 Lon: 28.073930 321 m

010 Lat: 23.411764 Lon: 25.709727 648 m

011 Lat: 22.943970 Lon: 27.264161 411 m

012 Lat: 24.456315 Lon: 28.941620 290 m

013 Lat: 25.494895 Lon: 28.979586 113 m

014 Lat: 25.921417 Lon: 28.202973 181 m

015 Lat: 27.386291 Lon: 28.072543 49 m

016 Lat: 28.349173 Lon: 28.884231 131 m

017 Lat: 28.349173 Lon: 28.884231 131 m

018 Lat: 28.643274 Lon: 29.119344 166 m