Nuovo utente?
  Nome utente :     Password :   Remember

RIFUGIO DONNAMORTA

Pubblicato da DANIELE : M « 

Print version Email Link Google KML Download

Mappa

Foto

 
Show thumb images on the map (only if user set it for waypoint)

RIFUGIO DONNAMORTA

Pubblicato da DANIELE : M « 


Ciclismo MTB
« »
Stato: Italia Inizio: Lizzano in Belvedere MinEle: 0 m
Regione: EMILIA ROMAGNA Fine: Lizano in Belvedere MaxEle: 1251 m
Città:
 
Bologna
Waypoints: 0 Dislivello salita: 2306 m
Distanza:
 
32.9 km
Downloads: 146 Dislivello discesa: 2904 m
Data report:
 
Jun 24, 2019
Pubblicato: Jun 21, 2007 Hits: 2181
           
  Votazione Media

Descrizione

Commenti






Lungo le mulattiere tra Monteacuto delle Alpi ed i monti Cavallo e Toccacielo, molto naturalistico, ed a tratti tecnico ed impegnativo, quasi esclusivamente in mezzo ai boschi e pochissimo asfalto.
 
Partenza da Lizzano in Belvedere, saliamo a Monteacuto ed imbocchiamo il CAI109 (il secondo che troviamo in paese), il sentiero quasi scalinato, scende rapidamente fino ad un corso d’acqua con antico mulino, da qui è possibile raggiungere la Madonna del Faggio, ma noi proseguiamo lungo la strada forestale fino all’incrocio con la strada che sale dalla valle, dove svoltiamo a dx verso Prato Novello.
Appena vediamo i primi edifici, non teniamo la strada asfaltata principale, ma prendiamo in salita la ciottolata a sx, che poco dopo si infila in mezzo al bosco costeggiando un rigagnolo d’acqua e sbuchiamo in corrispondenza ad un paio di casali ristrutturati in sasso, qua prendiamo la sterrata a sx, che seguiamo fino ad arrivare ad un incrocio a T prendiamo a sx (la traccia indica la mia indecisione) per alcune centinaia di metri fino alla strada asfaltata che seguiamo fino al vivaio forestale, lo superiamo tenendo la stessa strada, che poco dopo diventa una strada forestale, tanto bella quanto fastidiosamente ciottolata.
Passiamo in mezzo ad una bellissima abetaia, che mano a mano lascia posto al faggeto e la teniamo per alcuni km fino ad incrociare il crocevia con il sentiero CAI101 che sale da Porretta.
Qua il gps mi ha dato problemi ed ho corretto la traccia manualmente, ma d’ora in poi è semplicissimo, prendiamo il CAI101 in salita nel bosco partendo da quota 1250 circa, il primo km sale molto ripidamente ed a tratti è molto impegnativo, come lo sarà il resto del percorso, tutto molto simile, con frequenti cambi di pendenza e passaggi tecnici, ma rimanendo costantemente ad una quota di circa 1400/1450.
Non consideriamo alcune indicazioni sulla dx di sentieri che rientrano alla Madonna del Faggio piuttosto che ad un paio di sorgenti, e passando nella piana chiamata Pian dello Stellaio, giungiamo ad un evidente spiazzo con crocevia di sentieri, chiamato Rombiciaio, qua è presente un enorme faggio con incastonata dicono l’immagine di una madonnina, io ho visto solo un rosario.
 
Lasciamo il CAI101 ed iniziamo a scendere, imboccando il CAI143 verso il rifugio Donnamorta (piccola baita senza nulla), che raggiungiamo in breve tempo, lo superiamo e giunti ad un bivio, prendiamo a sinistra ( a destra si arriverebbe a Monteacuto delle Alpi tramite il sentiero 111).
Scendendo a sx, seguiamo il CAI113 trascurando l’ennesimo sentiero sulla dx che ci porterebbe a Monteacuto, ed arriviamo invece al rifugio Segavecchia, da dove rientriamo comodamente a Pianaccio e Lizzano.
 

Nonostante il basso chilometraggio, 36 km chiudendo l’anello a Lizzano, considerate almeno 5 ore (a Rombiciaio dopo 23 km, avevo una media inferiore ai 7 km/h), poi il rientro aiuta un pochino, ma a tratti è impegnativo e non si recupera molto.  Ottimo questo periodo, in quanto il percorso è quasi esclusivamente ombreggiato.

Altimetria:  600-900-730-1250-1400-1470-900-600 

 

Tracks & Routes


Nome Descrizione Distanza Dislivello salita Dislivello discesa  
Track 1 No Description 33 Km 2306 m 2904 m
Vedi altimetria