Nuovo utente?
  Nome utente :     Password :   Remember

Passo Fundres

Pubblicato da Matteo Zenatti « »

Print version Email Link Google KML Download

Foto

 
Show thumb images on the map (only if user set it for waypoint)

Passo Fundres

Pubblicato da Matteo Zenatti « »


Ciclismo MTB
« »
Stato: Italia Inizio: Schabs MinEle: 758 m
Regione: Alto Adige Fine: Schabs MaxEle: 2573 m
Città:
 
Bressanone
Waypoints: 10 Dislivello salita: 3244 m
Distanza:
 
84.2 km
Downloads: 232 Dislivello discesa: 3258 m
Data report:
 
Jul 2, 2005
Pubblicato: Jul 6, 2005 Hits: 4446
           
  Votazione Media

Descrizione

Commenti






Il tour parte e si conclude a Schabs, poco lontano dall'uscita Bressanone dell'Autostrada del Brennero. Si prende la strada che sale versa il passo di Valles, che per i primi chilometri, fino poco oltre Spinga, è asfaltata. Successivamente si continua a salire lungo la strada ora sterrata, segnavia n°9, che, con regolarità, ci porta fino ai piedi dell'ultimo strappo presso dove è possibile sostare presso una tipica malga altoatesina, Anratter Hutte. Gli ultimi duecento metri di dislivello che conducono ai quasi 2000m del passo sono molto impegnativi, ma gli scenari che si aprono aiutano a non desistere dallo sforzo. Si scollina in prossimità di un impianto di risalita e si prosegue per la sterrata per poche centinaia di metri. S'imbocca il sentierino, n°10, che dopo una prima parte di riscaldamento scende in picchiata a tornanti. Si arriva quindi su una sterrata che diventa poi asfaltata in prossimità delle prime malghe. Da qui si può scendere verso la valle dell'Isarco lungo il ripido asfaltato oppure effettuare un breve taglio lungo un sentierino impervio (durante il tour si è scelta questa alternativa ma probabilmente non è la migliore viste le condizioni del sentiero stesso!).                                                                
Arrivati in valle, presso l'abitato di Mules, ci si dirige verso Vipiteno seguendo l'indicato percorso ciclabile per evitare la Strada Statale. La nervosa ciclabile ci conduce fin quasi a Vipiteno. Poco prima di entrare in paese  si piega a destra seguendo le indicazioni per la Val di Vizze. Si percorre la strada statale 508 in direzione S. Giacomo. La salita prima dolce, si fa poi più impegnativa fino ad un piccolo laghetto. La strada si fa ora pianeggiante, l'ideale prima della temibile salita che porta al Passo Fundres. Si abbandona infatti la Statale e, attraversando il Rio Vizze, si sale lungo una stretta valle, segnavia n° 17. Il buon fondo della strada sterrata non è conforto alla fatica del biker viste le pendenze, ma si rileva fondamentale per la ciclabilità della salita. Ammirando i cambi di vegetazione che dai 1300m dell'inizio salita si susseguono rapidamente si arriva in breve al limite della vegetazione, dove presso un pascolo (circa 2000m) la sterrata si riduce ad un impervio sentiero. La pedalata si fa ora molto difficile ma salire montati è fonte di grandi soddisfazioni. La valle ora si allarga e spiana dando modo di rifiatare prima del gran finale. Ci si sposta infatti sull'altro versante della valle guadando il piccolo torrente. Ora solo i migliori continueranno a pedalare. Con le ruote incredibilmente aggrappate al terreno si continua a salire. A chi non ce la fa non resta che ammirare le maestose montagne circostanti e rimpiangere una bici più leggera o un allenamento migliore. Si scollina quindi ad una quota di circa 2600m (Passo di Fundres) per poi scendere in picchiata dall'altro versante.
Adesso non basta la tecnica nè il buon allenamento; infatti per scendere montati è necessaria una buona dose di pelo sullo stomaco. La discesa si fa più agevole ma è un fuoco di paglia. Si scende a stretti tornanti, dove i più bravi potranno dare dimostrazioni di forza mettendo a frutto tutta la loro tecnica. Finito l'incubo si scende, spossati, lungo una veloce sterrata. Dopo alcuni chilometri, ci si immette su una strada asfaltata. A questo punto il giro è virtualmente finito, si tratta di tornare al punto di partenza. Si percorre la lunga valle, in discesa, passando attraverso l'abitato di Fundres. Ci si immette poi sulla E 68 che in pochi chilometri ci riporta, sfruttando lunghi tratti di ciclabile della Val Pusteria, al punto di partenza.

Il tour è molto impegnativo per il dislivello, la lunghezza e la tipologia di terreno affrontata, ma anche per le solitamente avverse condizioni climatiche. In effetti essendo zona di confine l'area del giro è  soggetta a repentini cambiamenti climatici. Trattandosi di alta montagna è necessario attrezzarsi di conseguenza. Viste le quote e la zona il giro è tassativamente percorribile solo in piena estate ed in giornate di bel tempo. 

Ideazione itinerario: Matteo Zenatti.

Rilevazione e foto: Matteo Zenatti e Lorenzo Danzi.

Editing e commento: Lorenzo Danzi.

Tracks & Routes


Nome Descrizione Distanza Dislivello salita Dislivello discesa  
Passo Fundre No Description 84 Km 3244 m 3258 m
Vedi altimetria

POIs (Points of Interest)


Picture Description Coordinates Elevation Icon