Nuovo utente?
  Nome utente :     Password :   Remember

5 Rifugi FR

Pubblicato da Paolo C « »

Print version Email Link Google KML Download

Foto

 
Show thumb images on the map (only if user set it for waypoint)

5 Rifugi FR

Pubblicato da Paolo C « »


Ciclismo MTB
« »
Stato: Italia Inizio: SS 51 MinEle: 1535 m
Regione: Veneto TAA Fine: SS 51 MaxEle: 2394 m
Città:
 
Cortina
Waypoints: 10 Dislivello salita: 1989 m
Distanza:
 
37.2 km
Downloads: 0 Dislivello discesa: 2000 m
Data report:
 
Nov 18, 4973
Pubblicato: Aug 15, 2015 Hits: 389
           
  Votazione Media

Descrizione

Commenti






Difficoltà tecnica: Difficile  pendenza max in salita +58% e in discesa -60% Impegno fisico necessario: Molto impegnativo Cartografia: Cartina Kompass o Tabacco con sentieri CAI Periodo consigliato: periodi senza neve e fondo asciutto Tipo: cross country /FR / alpin bike (con pochi metri di asfalto) Località di partenza: Parcheggio poco dopo Passo Cimabanche sulla SS 51 (Cortina – Dobbiaco) verso Dobbiaco Accesso: Autostrada A27 fino a Belluno poi SS 51 fino a Cortina. Passare Cortina e procedere verso nord in direzione Dobbiaco. Passato il passo Cimabanche dopo meno di un km sulla Sx si trova un ampio parcheggio in prossimità di una casa cantoniera. Descrizione: Il percorso è una rivisitazione della traccia dei 7 rifugi decisamente ottimizzata come salite e discese; di fatto è il giro della Croda Rossa toccando 5 rifugi nella zona tra le più belle e panoramiche delle Dolomiti. Sempre numerosi i tratti da percorrere con bici in spalla o a spinta; qualche tratto in discesa al limite del FR estremo e comunque il panorama è sempre spettacolare. Si lascia il parcheggio e ci si dirige verso il passo Cimabanche seguendo la ciclabile; si supera il passo e si scende fino alla altezza della strada forestale Cai 8 sulla Sx. La si prende e si inizia a salire gradatamente; buono il fondo e a pendenza . Nel tratto finale qualche strappo al limite della pedalabilità. Breve discesa passata Forcella Lerosa, fino ad un tabia. Qui tenere la Sx e seguire la mulattiera militare che porta verso Rif. Rastua. Veloce discesa senza difficoltà tecniche di rilievo. Arrivati sulla strada di Ra Stua (il rifugio è 100 m sulla SX) si procede a Dx e ad un ponticello prendere a Sx per il rif. Fodara Vedla. La bella strada militare sistemata di recente sale a tornanti, ma è comunque dura ed impegnativa ma tutta pedalabile. Si arriva sul bel altopiano di Rudo e poco dopo al Rif. Fodara Vedla. Da qui seguendo sempre una strada bianca con pendenze moderate si arriva al Rifugio Sennes e poi sempre proseguendo per strada bianca con pendenza bassa /moderata al Rifugio Biella (anche qui il panorama è veramente unico). Arrivati al Biella si sale (bici in spalla) fino alla forcella SoraForno e qui inizia un FR decisamente impegnativo (CAI 1/3) con tratti al limite, sempre su roccia e sassi (fermi e mossi), gradoni, tornanti e passaggi trialistici . Al termine della discesa si prende a DX per il Cai 3; inizia una alternanza di salite e tratti piani che attraversa il grande altopiano (Campo latino) . Si segue il Cai 3-4 verso Malga Cavalli. Nel secondo tratto le pendenze in salita aumentano e pure i tratti a spinta. Si scollina e poi seguendo una sconnessa mulattiera si arriva alla Malga. Da qui si prende (poco oltre ) il cai 3 che inizia a risalire costeggiando le pendici della Croda Rossa; dopo una breve salita (a tratti a spinta) inizia un lungo e spettacolare traverso in uno splendido anfiteatro (tratti di salita graduale, piano e leggera discesa). Poi si risale più decisi seguendo una cengia (esposta) con corda in ferro di protezione (bici a mano), fino a scollinare nuovamente. Altro traverso e risalita e si arriva alla discesa finale verso Pratopiazza. Primo tratto su roccia anche questo con passaggi impegnativi e trialistici (meglio del tratto precedente da SoraForno) poi il sentiero si allarga a livello di mulattiera e diventa più scorrevole fino al single track nel bosco decisamente più scorrevole. Al bivio per Malga Stolla si più prendere a SX e poi puntare al Rif. Pratopiazza o svoltare a DX per dirigersi direttamente alla valle dei Canopi ultimo spettacolare FR della giornata. La discesa inizia con una serie di tornanti su single track e passaggi su roccia (alcuni esposti consigliabili a mano); poi passato un piccolo guado il percorso diventa più veloce e guidato (solo qualche passaggio tecnico ma impegnativo) fino ad arrivare alla strada statale Cortina/Dobbiaco dove si era parcheggiato. Un grazie a Roberto che mi ha accompagnato in questa avventura.

Tracks & Routes


Nome Descrizione Distanza Dislivello salita Dislivello discesa  
5RifugiFR No Description 37 Km 1989 m 2000 m
Vedi altimetria

POIs (Points of Interest)


Picture Description Coordinates Elevation Icon

Pk SS51 Lat: 46.623861 Lon: 12.190784 1549 m
Pk SS51

PCimabanch Lat: 46.620480 Lon: 12.183896 1555 m
Passo Cimabanche

x Cai8 Lat: 46.616824 Lon: 12.170339 1536 m
x Cai8

F Lerosa Lat: 46.619618 Lon: 12.119001 2008 m
Forc. Lerosa

R RaStua Lat: 46.625782 Lon: 12.098601 1705 m
Rif RaStua

R FodaraVe Lat: 46.635520 Lon: 12.060832 1993 m
Rif Fodara Vedla

R Sennes Lat: 46.653817 Lon: 12.059554 2134 m
Rif Sennes

R Biella Lat: 46.665586 Lon: 12.084632 2328 m
Rif Biella

F SoraForn Lat: 46.667456 Lon: 12.083208 2393 m
F Sora Forno

RPratopiaz Lat: 46.652912 Lon: 12.179746 1948 m
Rif Pratopiazza