Nuovo utente?
  Nome utente :     Password :   Remember

Punta del Telegrafo

Pubblicato da Christian Nannetti « »

Print version Email Link Google KML Download

Mappa

Foto

 
Show thumb images on the map (only if user set it for waypoint)

Punta del Telegrafo

Pubblicato da Christian Nannetti « »


Trekking
« »
Stato: Italia Inizio: Gaon MinEle: 354 m
Regione: Veneto Fine: Gaon MaxEle: 2190 m
Cittΰ:
 
Caprino Veronese
Waypoints: 58 Dislivello salita: 2175 m
Distanza:
 
34.0 km
Downloads: 36 Dislivello discesa: 2125 m
Data report:
 
Jun 30, 2012
Pubblicato: Jul 11, 2012 Hits: 1654
           
  Votazione Media

Tags



baldo,telegrafo,garda,

Descrizione

Commenti






Trekking di 2 giorni partendo da Gaon (Caprino Veronese) fino alla Punta del Telegrafo ( comprensorio monte Baldo - Lago di Garda).

PARTENZA: Con l’autostrada A22 usciamo ad Affi e seguiamo le indicazioni arrivando a Caprino Veronese (circa 9 km dal casello), attraversiamo il paese e appena lo abbiamo lasciato stiamo attenti a voltare a sinistra con la stradina “Via dei Molini” che sale alla piccola frazione di Gaon, indicazioni per il ristorante Gaon. La percorriamo esattamente per 800 m parcheggiando di fronte a una piccola fontana, unico spazio disponibile per lasciare l’auto due giorni.

ITINERARIO: Gaon q.354 (Siamo nei pressi di una piccola fontana e sul CAI 662, continuiamo a salire con la stradina asfaltata fino al termine, a destra si arriva al ristorante Gaon, noi proseguiamo a sinistra dove inizia una stradina acciottolata. Arrivati all’ultima casa, tralasciamo la sterrata in piano, il CAI 662 risale dietro l’abitazione per mulattiera, segni CAI sporadici e sbiaditi, cartelli assenti)      –      Mulattiera q.448 (Termina la mulattiera che risaliva dall’ultima abitazione, ora si prosegue per sentierino)      –      Incrocio q.475 (Cartelli: a sinistra in discesa c’è un sentierino non segnato, dritto in piano è il CAI 54 dal quale torneremo il giorno dopo, noi a destra in salita con il CAI 662)       –     Rudere q.506      –     Bivio q.528 (A sinistra sentiero non segnato, noi per CAI 662 a destra, pochi segni)       –     La Fabbrica q.902 (Il rudere della grande casa ci rimane a destra e al suo fianco inizia il CAI 53, svoltiamo a sinistra e appena entrati nel bosco ci sono dei cartelli, a sinistra il CAI 53 sale a Crocetta, noi proseguiamo con il CAI 662 che ben presto esce in una radura e va risalita a sinistra, pochi segni CAI)     –      Bivio q.1230 (Innesto su largo sentiero dopo la risalita nel bosco, il CAI 662 va a sinistra dietro un grande cancello di metallo)      –    Forestale q.1273 (Innesto sulla forestale, a sinistra è “Sentiero Natura” e CAI 64, noi a destra che è CAI 662)     –      Deviazione q.1300 (Lasciamo la forestale che prosegue salendo alla ben visibile Malga Colonei di Pesine e proseguiamo con il CAI 662 ora su sentierino che inizia dietro un grande abbeveratoio di acciaio)      –     Forestale q.1567 (Il CAI 662 dopo avere costeggiato le verdi Creste di Naole su praterie, arriva ad una forestale, a destra sopra di noi c’è Punta Naole e dei ripetitori. Proseguiamo con il CAI 662 che attraversa la forestale e aggira il sottostante laghetto, poi prosegue nella vallata risalendola, segni CAI in pratica assenti)      –      Bocchetta di Naole q.1648 (Risalita la vallata oltrepassiamo un traliccio dell’Enel e un muretto a secco e arriviamo al bivio: a destra il CAI 656 per buon sentiero scende, noi per CAI 658 a sinistra in salita che passa sotto il versante est della cima q.1688 da IGM)      –      Crinale q.1679 (Andiamo a sinistra)     –      Cima q.1688 (Cima senza nome quotata 1688 da IGM, cippo in ricordo dei caduti, torniamo sui nostri passi)      –      Crinale q.1679 (Proseguiamo tenendo rigorosamente il crinale con direzione nord, segni CAI assenti. Pochi metri sotto di noi c’è la forestale di accesso al rifugio Fiori del Baldo)      –      Rifugio Fiori del Baldo q.1815 (E’ anche la stazione di arrivo della seggiovia che proviene da Prada. Proseguiamo per stradello e poi saliamo a vista al vicino rifugio Chierego)     –     Rifugio Chierego q.1911 (A poche decine di metri è situata anche una piccola cappella, dietro il rifugio proseguiamo con il CAI 658 per esile sentierino a mezzacosta)     –       Bocchetta di Col Santo q.1980 (Ci innestiamo sulla forestale che proveniva dal rifugio Fiori del Baldo, ora il CAI 658 lo tiene dritto in salita, nord/est)      –      Passo del Cammino q.2128 (Si attraversa la stretta spaccatura del crinale e si prosegue dal versante opposto)      –      Bivio q.2082 (Una targa in metallo alla nostra sinistra posta sulla roccia, indica la traccia di avvicinamento per arrivare alla Ferrata delle Taccole, proseguiamo con il CAI 658)     –       Bivio q.2079 (Bivio del CAI 658 e cartelli: dritto a destra variante facile per arrivare al rifugio del Telegrafo, a sinistra variante più corta ma più difficile, noi a sinistra)      –      Rifugio del Telegrafo q.2147 (Posizionato appena sotto la Punta del Telegrafo, saliamo per traccia e a vista alla cima)      –     Punta del Telegrafo q.2200.   

NOTE:

- La prima parte del percorso fino ad arrivare in prossimità delle Creste di Naole si svolge prevalentemente nel bosco.

- Fontana alla partenza da Gaon.

- Acqua solo ai rifugi se sono aperti.

TEMPI RILEVATI (escluso soste):

Gaon q.354  0,00   -    Mulattiera q.448  0,12   -    Incrocio q.475  0,16  -   Rudere q.506  0,20   -   Bivio q.528  0,23   -    La Fabbrica q.902  1,08  -   Bivio q.1230  1,55   -    Forestale q.1273  2,00    -   Deviazione q.1300  2,05   -   Forestale q.1567  2,50  -    Bocchetta di Naole q.1648  3,10   -    Crinale q.1679  3,14     -   Cima q.1688  3,16   -    Crinale q.1679  /    -    Rifugio Fiori del Baldo  3,42   -    Rifugio Chierego  3,55    -    Bocchetta di Col Santo  4,14    -    Passo del Cammino q.2128  4,33   -    Bivio q.2082  4,41    -   Bivio q.2079  4,46   -    Rifugio del Telegrafo  5,00   -    Punta del Telegrafo   5,08

 

ITINERARIO 2° giorno: Rifugio del Telegrafo q.2147 (Scendiamo con il CAI 654 sotto la piccola cappella)     –      Bivio q.1955 (Bivio del CAI 654 e cartelli: dritto prosegue verso Il Forcellin, noi a sinistra in ripida discesa nella vallata)     –     Bivio q.1807 (Cartelli: in discesa prosegue il CAI 654 per Assenza, noi a sinistra con sentiero CAI senza numero sulle mappe che si sviluppa a mezzacosta con piccoli sali-scendi e tra fitti pini mughi)     –      Punto Alto q.1900 (Ci arriviamo dopo una ripida salita, si continua in falsopiano e si scende nella vallata compresa tra il Col Santo e la Vetta delle Buse)      –       Ripetitore q.1783     –     Largo sentiero q.1643 (Dopo essere scesi ci innestiamo in un largo sentiero: a destra porta in breve alla Baita Buse, noi a sinistra, segni e cartelli assenti)     –     1° Pozza q.1635 (Piccolo laghetto artificiale per l’abbeveraggio del bestiame)      –       2° Pozza q.1633 (La oltrepassiamo e in breve viriamo a destra scendendo a vista verso Malga Valvaccara preceduta da un piccolo rudere)      –      Malga Valvaccara q.1546 (Disabitata, raggiungiamo a vista il rifugio Mondini che è anche la stazione intermedia della seggiovia Prada-Fiori del Baldo)     –      Rifugio Mondini q.1554 (Ex rifugio Mondini, ora Baita Eugenio Turri. Proseguiamo ora su CAI 51, nessun cartello, con direzione sud verso un vecchio e in disuso impianto di risalita, arrivati a un grande abbeveratoio si vira a destra in discesa)      –      Incrocio q.1492 (Innesto su forestale: a destra c’è Malga Ortigaretta, dritto ci sono alcuni segni gialli, noi a sinistra con la forestale che scende solo temporaneamente)      –     Cancello q.1505      –     Pozza q.1463     –      Baiti di Ortigara q.1438 (Bivio della forestale e cartelli: a sinistra è CAI 655 che sale a Madonna della Neve e alla Cresta di Naole, noi dritto a destra con il CAI 51 oltrepassiamo Baita Ortigara in buono stato ma disabitata e successivamente un altro rudere)      –        Bivio q.1365 (Cartelli: a destra c’è il sentiero CAI 655 per Prada, noi teniamo la forestale CAI 51)      –     Bivio q.1319 (Appena passata una sbarra di ferro a sinistra la forestale sale verso la Cresta di Naole, noi dritto ora per stradello cementato che è sempre CAI 51)      –      Due Pozze q.1284 (Area parcheggio. A destra scende alle sottostanti pozze il sentiero S.42, noi attraversiamo il parcheggio e quando inizia la strada asfaltata continuiamo a sinistra per forestale CAI 51)      –     Deviazione q.1280 (La deviazione non è ben segnata. Siamo appena scesi per un tratto di forestale con fondo cementato e prima di arrivare a Malga Zacchi noi la lasciamo e scendiamo a destra per sentiero poco evidente che è sempre CAI 51, poi proseguiamo nella radura poco sotto la malga, traccia poco evidente. Arrivati in prossimità di alcuni muretti di sasso ridotti a cumuli, viriamo a sinistra, sud, sempre in discesa)      –    Pozza q.1210 (La costeggiamo sul bordo sinistro, poi il sentiero rientra nel bosco e sempre in discesa)        –    San Eustachio q.1143 (Si arriva a una minuscola pozza e il CAI 51 sembra sparire. Tralasciamo un sentiero non segnato a sinistra e proseguiamo dritto nell’erba alta sopra la piccola pozza, sud/ovest, fino ad arrivare alla minuscola chiesetta/cappella abbandonata di San Eustachio. In seguito c’è subito un rudere e un traliccio dell’Enel)     –      Forestale q.1119 (Ci innestiamo sul bivio della forestale, la tralasciamo sia a destra che a sinistra e andiamo dritto, appena passato un cancello poi svolta a sinistra in discesa)      –      Malga Zilone q.1056 (Malga abbandonata, il sentiero CAI 51 prosegue tra la malga e il grande traliccio dell’Enel passando una distesa di ortiche, direzione nord)      –      Valdabin di Sotto (Usciamo dal bosco, ancora delle pozze ai nostri lati, raggiungiamo a vista il grande traliccio dell’Enel a q.900 dove c’è il bivio, nessun cartello: a destra in basso si intravvede la Malga di Valdabin di Sotto dalla quale continua il CAI 51 fino a Lumini, noi proseguiamo a sinistra in falsopiano ora CAI 53)      –      Bivio q.895 (Passiamo un cancello e a destra scende ripidamente uno stradello cementato, noi dritto per CAI 53 su largo sentiero nel bosco in falsopiano)      –      Deviazione q.894 (Dritto in discesa prosegue il largo sentiero fino alla strada, noi lo lasciamo, il CAI 53 prosegue a sinistra per sentiero, non ci sono cartelli)      –       Bivio q.906 (Bivio e cartelli all’interno del bosco: a sinistra il CAI 53 sale a Crocetta, noi dritto ora per CAI 54)       –       Casotto q.771 (Piccolo casotto in muratura sempre aperto utile solo come riparo, il CAI 54 curva a gomito a destra) – Forestale q.680 (Tralasciamo un sentiero con bolli rossi dritto di noi e incominciamo a percorrere in discesa la buona forestale )       –     Deviazione q.584 (La forestale, curva a gomito a destra, noi la lasciamo e teniamo il CAI 54 dritto per sentiero)     –      Bivio q.530 (Dritto in salita il sentiero prosegue, il CAI 54 scende a destra un po’ infrascato alla sottostante casa)      –      Casa q.515 (Abitata. Teniamo la stradina a sinistra verso un capannone, poi il CAI 54 riprende a scendere a destra)     –      Incrocio q.475 (Chiudiamo l’anello iniziato il giorno prima)     –     Mulattiera q.448      –       Gaon q.354.

NOTE:

- Sporadica la segnatura del CAI 51 dalla Deviazione q.1280 fino a Valdabin di Sotto, il sentiero è palesemente poco frequentato.

- Possibilità di acqua solo ai rifugi se sono aperti.

TEMPI RILEVATI (escluso soste):

Rifugio del Telegrafo  0,00     -   Bivio q.1955  0,19     -   Bivio q.1807  0,35    -    Punto Alto q.1900  1,02     -  Ripetitore q.1783  1,30    -   Largo sentiero q.1643  1,45    -   1° Pozza q.1635  1,50    -    2° Pozza q.1633  1,52   -    Malga Valvaccara q.1546  2,03    -    Rifugio Mondini q.1554 2,15    -    Incrocio q.1492  2,22    -    Cancello q.1505  2,28   -    Pozza q.1463  2,33    -    Baiti di Ortigara q.1438  2,41     -    Bivio q.1365  2,51    -    Bivio q.1319  3,16   -     Due Pozze q.1284  3,22     -   Deviazione q.1280  3,38   -     Pozza q.1210  3,50    -    San Eustachio q.1143  4,02   -     Forestale q.1119  4,06   -      Malga Zilone q.1056  4,17   -      Valdabin di Sotto  4,41   -     Bivio q.895  4,46    -    Deviazione q.894  4,48     -    Bivio q.906  4,55   -      Casotto q.771  5,12    -    Forestale q.680  5,20   -     Deviazione q.584  5,29    -     Bivio q.530  5,34    -     Casa q.515  5,37     -    Incrocio q.475  5,42    -    Mulattiera q.448  /    -     Gaon q.354  5,50

Tracks & Routes


Nome Descrizione Distanza Dislivello salita Dislivello discesa  
> No Description 14 Km 1925 m 89 m
Vedi altimetria
> No Description 20 Km 250 m 2036 m
Vedi altimetria

POIs (Points of Interest)


Picture Description Coordinates Elevation Icon

GAON Lat: 45.612912 Lon: 10.796318 353 m

MULATTIERA Lat: 45.615588 Lon: 10.792005 448 m

INCROCIO 4 Lat: 45.615019 Lon: 10.789663 474 m

RUDERE 506 Lat: 45.616079 Lon: 10.789915 505 m

BIVIO 528 Lat: 45.616809 Lon: 10.789910 527 m

LA FABBRIC Lat: 45.625380 Lon: 10.794806 900 m

BIVIO 1230 Lat: 45.637965 Lon: 10.792227 1229 m

FORESTALE Lat: 45.639443 Lon: 10.791840 1273 m

DEVIAZIONE Lat: 45.641308 Lon: 10.793909 1299 m

FORESTALE Lat: 45.658582 Lon: 10.809901 1566 m

BOCCHETTA Lat: 45.667099 Lon: 10.814729 1647 m
Bocchetta di Naole

CRINALE 16 Lat: 45.668975 Lon: 10.813878 1679 m

CIMA 1688 Lat: 45.667551 Lon: 10.813843 1687 m

FIORI BALD Lat: 45.679999 Lon: 10.816862 1811 m
Rifugio Fiori del Baldo

CHIEREGO Lat: 45.683026 Lon: 10.818722 1904 m
Rifugio Chierego

COL SANTO Lat: 45.690562 Lon: 10.821950 1983 m
Bocchetta di Col Santo

P CAMMINO Lat: 45.695803 Lon: 10.826599 2118 m
passo del Cammino

BIVIO 2082 Lat: 45.698002 Lon: 10.829111 2082 m

BIVIO 2079 Lat: 45.700314 Lon: 10.831083 2079 m

RIFUGIO Lat: 45.704738 Lon: 10.830423 2147 m
Rifugio del Telegrafo

P TELEGRAF Lat: 45.706007 Lon: 10.830577 2200 m
Punta del Telegrafo

GAON Lat: 45.612912 Lon: 10.796318 353 m

MULATTIERA Lat: 45.615588 Lon: 10.792005 448 m

INCROCIO 4 Lat: 45.615019 Lon: 10.789663 474 m

RIFUGIO Lat: 45.704738 Lon: 10.830423 2147 m
Rifugio del Telegrafo

P TELEGRAF Lat: 45.706007 Lon: 10.830577 2200 m
Punta del Telegrafo

BIVIO 1955 Lat: 45.704876 Lon: 10.820170 1954 m

BIVIO 1807 Lat: 45.703039 Lon: 10.819769 1812 m

PUNTO ALTO Lat: 45.700089 Lon: 10.816051 1900 m

RIPETITORE Lat: 45.693011 Lon: 10.812337 1783 m

LARGO SENT Lat: 45.688393 Lon: 10.808241 1642 m

1 POZZA Lat: 45.685644 Lon: 10.807129 1634 m

2 POZZA Lat: 45.684558 Lon: 10.807333 1633 m

RUDERE Lat: 45.680794 Lon: 10.806430 1590 m

R MONDINI Lat: 45.676761 Lon: 10.807129 1569 m

INCROCIO 1 Lat: 45.673260 Lon: 10.806297 1491 m

046 Lat: 45.670939 Lon: 10.807914 1505 m

CANCELLO 1 Lat: 45.670939 Lon: 10.807910 1505 m

POZZA 1463 Lat: 45.669771 Lon: 10.805148 1463 m

B ORTIGARA Lat: 45.665452 Lon: 10.805058 1438 m
Baiti d'Ortigara

BIVIO 1365 Lat: 45.664726 Lon: 10.800423 1364 m

BIVIO 1319 Lat: 45.653463 Lon: 10.794204 1318 m

2 POZZE Lat: 45.653025 Lon: 10.790165 1284 m
Due Pozze (parcheggio)

DEVIAZIONE Lat: 45.644975 Lon: 10.788587 1279 m

POZZA 1210 Lat: 45.641178 Lon: 10.784804 1210 m

S EUSTACHI Lat: 45.640003 Lon: 10.778549 1143 m

FORESTALE Lat: 45.639853 Lon: 10.777052 1118 m

ZILONE Lat: 45.637664 Lon: 10.771679 1056 m
malga Zilone

VALDABIN Lat: 45.630144 Lon: 10.772178 900 m
Valdabin di Sotto

BIVIO 895 Lat: 45.628534 Lon: 10.773655 894 m

DEVIAZIONE Lat: 45.627346 Lon: 10.775054 893 m

BIVIO 906 Lat: 45.625563 Lon: 10.779249 905 m

CASOTTO Lat: 45.619511 Lon: 10.783827 771 m

FORESTALE Lat: 45.619146 Lon: 10.779179 680 m

DEVIAZIONE Lat: 45.616681 Lon: 10.784465 583 m

BIVIO 530 Lat: 45.615454 Lon: 10.787013 530 m

VALVACCARA Lat: 45.679850 Lon: 10.805210 1556 m
05-SET-09 14:51:38

CASA Lat: 45.614960 Lon: 10.787170 515 m
01-LUG-12 15:05:32